Decreto Lavoro: blocco licenziamenti, Cashback, cartelle esattoriali e Alitalia

1 Lug 2021 | Lavoro

Decreto Lavoro: sospensione del programma Cashback, proroga del blocco licenziamenti nel tessile, norme per Alitalia e rinvio cartelle esattoriali.

 

Il Decreto Lavoro è stato approvato dal Consiglio dei Ministri, prorogando lo stop ai licenziamenti per il settore tessile e sospendendo per sei mesi il Cashback. Tra le altre novità vi sono il rimborso dei biglietti aerei attraverso un fondo da 100 milioni di euro e il rinvio delle cartelle esattoriali.

 

Sblocco dei licenziamenti

Il decreto prevede lo sblocco dei licenziamenti per l’industria manifatturiera ed edilizia con l’eccezione per il tessile ed i settori collegati, come il calzaturiero e la moda.

Per questi ultimi settori, infatti, è prevista un’ulteriore proroga fino al 31 ottobre del divieto di licenziamento con l’erogazione di ulteriori settimane gratuite di cassa integrazione Covid.

Inoltre, vengono assicurate ulteriori 13 settimane, fino al 31 dicembre 2021, di cassa integrazione straordinaria per tutte le imprese che non hanno più a disposizione gli ammortizzatori sociali, senza contributi a carico del datore di lavoro.

 

Sospeso il programma Cashback

Il programma è sospeso per 6 mesi a partire da oggi 1° luglio, durante questo periodo il ministero dell’Economia e delle finanze effettuerà delle rilevazioni periodiche relative all’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici, sulla base del supporto informativo fornito dalla Banca d’Italia.

Spazio pubblicitario dedicato

Donne vittime di violenza, c'è l'esonero contributivo 2021 per le assunzioni

I risparmi ottenuti dalla sospensione del Cashback vengono destinati, nella misura di 1,5 miliardi di euro, ad un Fondo per gli interventi di riforma in materia di ammortizzatori sociali.

 

Rinvio cartelle esattoriali

Tra le misure contenute nel decreto approvato dal Cdm vi è anche l’estensione di altri due mesi, quindi fino al 31 agosto, del blocco dell’invio delle cartelle esattoriali.

 

Rimborso biglietti Alitalia

È stato istituito un fondo, con una dotazione di 100 milioni di euro per l’anno 2021, diretto a garantire l’indennizzo dei titolari di titoli di viaggio e voucher emessi dall’amministrazione straordinaria in conseguenza delle misure anti-Covid e non utilizzati alla data del trasferimento dei compendi aziendali.

L’indennizzo viene erogato esclusivamente nell’ipotesi in cui non sia garantito al contraente analogo servizio di trasporto, ed è quantificato in misura pari all’importo del titolo di viaggio.