Decreto Covid Maggio in arrivo, le anticipazioni sulle misure per ristoranti, piscine e palestre

da | 11 Mag 2021 | Coronavirus, Economia

È atteso per mercoledì il vertice tra Governo e Regioni per la valutazione dei nuovi parametri sulle colorazioni da utilizzare nel nuovo Decreto Covid Maggio, ragionando non più attraverso l’indice Rt ma bensì tramite il tasso di ospedalizzazione.

Di conseguenza venerdì 14 maggio sarà la data chiave, quando l’Istituto Superiore di Sanità mostrerà il report sul monitoraggio settimanale ed il Governo Draghi dovrà decidere in merito al tanto discusso coprifuoco e al calendario delle riaperture, precedentemente fissato nel Decreto del 26 aprile.

 

Cosa potrebbe accadere con il Decreto Covid maggio?

L’orario del coprifuoco potrebbe essere spostato alle 23 oppure a mezzanotte, ma secondo diverse indiscrezioni, sembra che il premier Draghi sia propenso a concedere solo un’ora in più.

Potrebbe arrivare l’ok alla riapertura anticipata dei ristoranti anche al chiuso, a seguito del continuo pressing da parte delle Regione e delle associazioni di categoria.

Idem per bar e pub, affinché sia possibile consumare un caffè o una colazione direttamente al bancone, al momento vietatati dal Decreto aprile in vigore.

 

Palestre e piscine

Potrebbe decadere il limite all’utilizzo delle docce per palestre e piscine, le quali potrebbero di conseguenza riaprire anche al chiuso tra fine maggio ed inizio giugno, ma a tal riguardo dovrà esprimersi il Comitato Tecnico Scientifico.

Nel frattempo, probabilmente, le piscine all’aperto riapriranno dal 15 maggio e le palestre dal 1° giugno, come da decreto attualmente in corso.

Arriva il Super Green Pass, oggi il nuovo decreto Covid del Governo

 

Centri commerciali nel weekend

Notizie positive potrebbero arrivare anche per i centri commerciali, affinché i negozi delle gallerie possano riaprire anche nel weekend, senza distinzione tra le tipologie di attività. Al momento sembra che la data fissata sia sabato 22 maggio.

 

Mascherina all’aperto

Il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, nei giorni scorsi si è espresso riguardo l’utilizzo della mascherina all’aperto. Il medico ritiene che quando raggiungeremo i 30 milioni di vaccinati, la protezione all’aperto potrà restare solo in caso di assembramenti.


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: