Decreto agosto 2021, in arrivo le misure per arginare i contagi dovuti alle vacanze

da | 2 Ago 2021 | Coronavirus

Decreto agosto 2021: il Governo è al lavoro sulle misure restrittive per arginare i contagi dovuti alle vacanze. Scuola in sicurezza e Green Pass.

 

Decreto agosto 2021

Settimana decisiva in merito al nuovo Decreto Covid di agosto, il quale conterrà le misure restrittive per arginare i contagi, attualmente in salita in tutto il paese, le regole per i trasporti e per la ripartenza a settembre delle scuole.

Tra gli obiettivi principali del Governo, al momento, è riportate tutti gli alunni in classe a settembre, evitando la didattica a distanza, e scongiurare un’ondata di contagi ed ospedalizzazioni al termine della stagione estiva.

Molto probabilmente, quindi, il Green Pass verrà reso obbligatorio sui trasporti a lunga percorrenza (aerei, treni e navi) già dalla seconda metà di agosto.

 

Mini Zone Rosse

Tra le idee del Governo c’è la possibilità che vengano istituiti delle “mini zone rosse” in caso di focolai accertati da Covid-19, oltre alle restrizioni localizzate nei territori delle regioni turistiche, come la distanza tassativa di dieci metri tra gli ombrelloni o la mascherina all’aperto.

Un’altra ipotesi è l’estensione dell’obbligo del Green Pass, ma il dibattito politico a riguardo all’interno della maggioranza rimane molto acceso.

 

Personale scolastico

Si pensa molto anche al personale scolastico: l’obbligo del vaccino per tornare in classe a settembre rimane una delle possibilità al momento molto complicata da gestire.

DPCM Green Pass 15 ottobre in arrivo: controlli, sanzioni e tamponi

È probabile, però, che il Governo decida di procedere con una forte raccomandazione in merito alle dosi vaccinali ed attendere i dati sui contagi della seconda metà di agosto per intraprendere decisioni anche drastiche, tra cui l’obbligatorietà al vaccino, essendoci l’85% dei docenti immunizzati o in attesa della seconda dose.

Anche i presidi continuano a confermare il loro appoggio all’obbligatorietà del vaccino.

 

Regioni a rischio di zona gialla

L’aumento dei contagi che viene registrato ormai quotidianamente da luglio, sembrerebbe riguardante soprattutto i maschi sotto i 40 anni di età, come riferito dal Ministero della Salute, e potrebbe essere imputabile sia ai festeggiamenti per la vittoria della nazionale italiana agli Europei, sia alle vacanze estive in corso.

Infatti, non a caso, tra le zone dove si registrano i maggiori contagi sono proprio le località di villeggiatura più gettonate, come la Sicilia, la Sardegna e la Puglia.

Ma nell’ultima settimana sono 8 le regioni che hanno superato i 50 casi: Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto, portando la media nazionale a 58 casi ogni 100mila abitanti.

Tutte regioni ancora sotto la soglia critica di ospedalizzazione, ma la crescita giornaliera dovuta alla variante Delta è molto preoccupante.