fbpx
Pubblicità

Banca d’Italia rivela l’impennata del debito pubblico italiano giunto ad un nuovo record storico: 2.643 miliardi di euro

 

I dati della Banca d’Italia parlano chiaro, il debito pubblico italiano continua a crescere e segna un nuovo record nel mese di febbraio 2021: 2.643 miliardi di euro.

Tale debito delle amministrazioni pubbliche italiano è aumentato di oltre 46 miliardi rispetto l mese precedente portando alle stelle il debito complessivo.

Pubblicità

L’aumento sarebbe dovuto principalmente all’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (+27,8 miliardi) a cui si è aggiunto il fabbisogno (+9,2 miliardi), mentre l’effetto complessivo di scarti e premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio ha ridotto il debito per 0,2 miliardi.

Banca d’Italia ha evidenziato inoltre che nel mese di febbraio le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 29,2 miliardi, in calo del 7,6% (2,4 miliardi) rispetto allo stesso mese del 2020.

Infatti, nel primo bimestre dell’anno le entrate tributarie sono state pari a 65,8 miliardi, in calo del 2,5% (1,7 miliardi) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Insomma, tutte cifre molto difficili da leggere e da capirne il valore reale, ma che rendono molto chiaro l’andamento economico della nostra nazione.

Pubblicità