fbpx
Pubblicità

Il Governo ha pronto un pacchetto di provvedimenti per scongiurare nuovi disoccupati: più decontribuzione per le imprese che assumono e stop ai pignoramenti per quelle fiscalmente insolventi

 

Tamponare l’emergenza. E cercare di guardare al futuro.

Sono questi i due obiettivi che il Governo si pone, lato economia, nel pieno dell’ondata di ritorno del Coronavirus.

Pubblicità

Ecco, allora, una lista degli interventi che entreranno a regime nel 2021.

Si parte con il fronte più impellente, quello relativo al mercato del lavoro.

La parola d’ordine è una: lavoro giovanile. Per incoraggiare l’occupazione delle nuove leve e scongiurare un ulteriore aggravio delle casse Inps, il Governo prevede infatti una decontribuzione generalizzata per le imprese che assumeranno, riservata alla nuova forza lavoro sotto i trentacinque anni in tutto il Paese, e anche superiore a questo tetto a favore delle aziende localizzate nelle Regioni del Sud.

Nel dettaglio, il taglio del versamento dei contributi sarà del 30%, per una durata massima di tre anni.

Per quanto riguarda le famiglie con figli a carico, invece, sembra che l’anno venturo partirà il tanto atteso assegno unico per i figli; con una dotazione, tuttavia, di tre anziché sei miliardi di euro, poiché la parte restante del tesoretto dovrebbe essere destinata alla mai abbondonata intenzione di abbassare le tasse Irpef.

Lavorare in Amazon, 3.000 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato in Italia entro fine anno

E le imprese? Non sono loro che dispensano lavoro e occupazione?

Per quanto alcuni ne dicano, sempre, male, l’esecutivo ha pensato anche a loro.

A questo proposito, è una notizia che quattro miliardi di euro saranno destinati all’istituzione di un nuovo fondo anti- Covid. Due le possibilità: un fondo perduto per le imprese e i liberi professionisti in difficoltà, oppure un credito di imposta per le tasse future.

Nel frattempo, rispetto alle vertenze fiscali in corso, il Governo ha prorogato al 31 dicembre la sospensione di tutti i provvedimenti di invio delle cartelle esattoriali, comprese le ingiunzioni di pagamento, i pignoramenti e la revoca delle rateizzazioni di pagamento.

Pubblicità