Contagi in aumento anche in Italia, torna la paura del Covid per l’autunno

da | 7 Lug 2021 | Coronavirus

Contagi in aumento a causa della variante Delta. Torna la paura del Covid per l’autunno. Nuove dosi di vaccino in arrivo.

 

Contagi in aumento: la curva ale nuovamente anche nel nostro Paese a causa della variante Delta, che sta colpendo l’Europa, senza risparmiare l’Italia. Si stima che in Italia accadrà come in Gran Bretagna.

Per questo il ministro della Salute Roberto Speranza raccomanda di mantenere ancora alta l’attenzione perché la pandemia non è ancora terminata.  

 

I vaccini sono la nostra salvezza

I dati dimostrano, nell’intera Europa come in Italia, che i vaccini sono la nostra salvezza. È un dato di fatto che, purtroppo, la variante Delta, conosciuta anche come variante indiana, sia più resistente ai vaccini, tuttavia i vaccini, in caso di positività, fanno sì che la malattia non si sviluppi in maniera grave e che quindi le persone non finiscano in ospedale.

I vaccini quindi riducono il rischio di contrarre una forma di Covid-19 grave o di morire a causa del Coronavirus.

 

Autunno, pericolo specialmente per gli anziani non vaccinati

Gli over 60 che, in autunno, non avranno ancora ricevuto le due dosi di vaccini correranno dei seri rischi. Si stima che in autunno il virus riprenderà a circolare, seppur non con la stessa violenza dello scorso anno, e pertanto gli over 60 non ancora vaccinati non saranno un pericolo solo per la società ma anche per sé stessi.

Quarta ondata Covid in Svizzera, l'allarme dell'ufficio federale della sanità pubblica

Tale rischio è che queste persone finiscano in ospedale con forme gravi della malattia, e che ne muoiano. Tenendo anche di conto che ancora non ci sono vaccini per i bambini piccoli, è facile immaginare come un nipotino possa contagiare un nonno che, se over 60 e non vaccinato, avrà reali possibilità di finire in ospedale e di perdere la vita.

 

In arrivo nuove dosi di vaccino

Aspettiamo l’arrivo di 45 milioni di dosi di vaccino a mRna per riuscire a vaccinare almeno 40 milioni di persone su un totale di 58 milioni di persone vaccinabili. In estate le scorte sono ridotte, ma questo arrivo farà salire rapidamente il numero di persone vaccinabili a cui sarà stata somministrata quantomeno una dose.

Figliuolo adesso si concentra sul convincere gli insegnanti e gli operatori scolastici a sottoporsi alla vaccinazione, per ricominciare con la scuola in presenza a settembre, nella massima sicurezza.

 

Dovremo imparare a convivere con il Covid

Il direttore della clinica Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova, Bassetti, tuttavia, ci dice che “dovremo imparare a convivere con il Covid.”

Prendendo ad esempio la Gran Bretagna, dove il premier Johnson ha pensato di riaprire tutto al più presto e diminuire le restrizioni nonostante l’aumento dei contagi, è probabile che una situazione del genere arriverà presto anche da noi.

Omicron rovina il Natale all’estero ad oltre 2 milioni di italiani

Ciò potrebbe significare la morte di 7-8mila persone l’anno, delle morti fisiologiche nell’ottica della circolazione del Covid-19.

 

Per l’anno scolastico 2021-2022 probabilmente resteranno in vigore le misure precedenti. Ma per quanto riguarda la DAD?

In merito all’anno scolastico 2021-2022, il Comitato tecnico scientifico dice che a settembre gli studenti potranno tornare in aula, ma ancora non potranno dire addio né alle mascherine né al distanziamento sociale. LEGGI TUTTO


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: