Seleziona una pagina

Congiunti, le nuove restrizioni dovute alle zone rosse, arancioni, gialle, oltre alla forte raccomandazione del Dpcm. Ma è possibile incontrarsi?

 

Attraverso l’ultimo Dpcm del governo, l’Italia viene spaccata in 3 aree, suddivise in base al livello di rischio contagi: zone rosse, arancioni e gialle. La domanda che si pongono in molti riguarda la possibilità di incontrare i propri congiunti e tal proposito, nel testo del decreto, non vi è alcun riferimento esplicito in merito.

Tuttavia, nel decreto, si legge chiaramente “rimane fortemente raccomandato su tutto il territorio nazionale non ricevere nelle abitazioni private persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.” Una chiara indicazione già presente nel Dpcm precedente uscito il 24 ottobre 2020.

Quindi, è possibile incontrare i propri congiunti?

Zone Rosse

Nelle zone rosse, ossia in Valle d’Aosta, Lombardia, Piemonte e Calabria, sembra che sia possibile solo in caso di necessità, in virtù delle incisive limitazioni agli spostamenti. Lo spostamento è infatti vietato anche all’interno del proprio comune di residenza oltre che dalla regione di appartenenza, a meno che non esistano comprovate esigenze lavorative , situazioni di necessità e motivi di salute, utilizzando debitamente l’apposita autocertificazione.

ULTIME NEWS!  Vaccino contro il Coronavirus, è anche italiano quello affidabile al 70%

Zone Arancioni

Nelle zone arancioni, invece, la circolazione all’interno del proprio comune di residenza è permessa, ma non lo è al di fuori, a meno che non ci siano le comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Idem per entrare ed uscire dalla regione di appartenenza. Quindi, se non vi è la necessità di far visita ad un congiunto, resta in vigore la “forte raccomandazione” a non incontrarsi.

Zone Gialle

Nelle zone gialle le restrizioni sono leggermente meno restrittive, ed è possibile spostarsi sia da un comune all’altro che da una regione all’altra. Anche qui rimane la “forte raccomandazione” di non far visita ai congiunti, ma in ogni caso, resta in vigore il divieto di spostamento dalle 22 alle 5 se non per ragioni di necessità, lavoro o salute, sempre e comunque da giustificare attraverso l’autocertificazione.

ULTIME NEWS!  Lombardia in zona arancione, l'indice Rt è sceso sotto il valore 1

Diamo spazio e visibilità a professionisti e imprese

Piattaforma di Comunicazione, Formazione e Networking focalizzata sull'informazione per aziende e professionisti, denominati Partner, dislocati in tutto il territorio.

Acquisire autorevolezza e popolarità, aumentare la visibilità della propria azienda, creare sinergie con imprese e professionisti, raggiungere un pubblico mirato con articoli e notifiche: questa è la proposta di MilanoBIZ!


Condividi questo articolo!