Confartigianato Milano, un premio per i giovanni orafi milanesi

da | 21 Ott 2021 | Lombardia e Milano

Confartigianato Milano e la scuola di formazione Galdus, in collaborazione con il Municipio 1 di Milano, promuovono un concorso per premiare la creatività nell’orificieria.

 

Un concorso per premiare la creatività nell’oreficeria. È questo l’intento del premio “Belée Gargoyle del Dom” promosso da Confartigianato Milano e la scuola di formazione Galdus, in collaborazione con il Comune di Milano – Municipio 1, con riconoscimenti fino a 3mila euro per ragazzi (18-35 anni) che sviluppino progetti in campo orafo su tematiche inerenti il Duomo di Milano.

«La stretta correlazione tra scuola e impresa è il nodo sul quale lavoriamo da anni come organismo di rappresentanza delle PMI – spiega Arianna Petra Fontana, Presidente di Confartigianato Milano – I dati, usciti proprio in questi giorni, sul disallineamento tra l’offerta di lavoro e i profili disponibili sottolineano ancora una volta la centralità del tema: le aziende necessitano di persone con conoscenze e competenze aggiornate alle esigenze di un mercato che attraversa cambiamenti veloci e fa della qualità del Made in Italy la garanzia del valore dei suoi prodotti».

«Le artigiane e gli artigiani orafi sono una eccellenza di Milano e del Centro Storico, con le loro botteghe che vanno valorizzate. In queste botteghe si tramanda un’arte che ognuno può apprezzare. Lì i giovani apprendono dai maestri artigiani – dichiarano all’unisono Fabio Arrigoni e Mattia Abdu, Presidenti del Municipio 1 del Comune di Milano nelle successive fasi di strutturazione del concorso – Questo premio è l’esemplare espressione di come la scuola si innesta col lavoro in cui le mani e gli strumenti creano opere e rappresentano la continuità artistica con cui raccontiamo la bellezza e i nostri sentimenti più profondi».

Lombardia in Zona Gialla tra due settimane, le previsioni sui contagi entro Natale

«Questo progetto ha profonde radici con i titolari delle imprese artigiane che si occupano – e si sono occupati – di trasmettere ai giovani la maestria e le competenze necessarie per portare avanti i mestieri, sia ospitando in azienda i giovani che promuovendo specifiche iniziative. Questo concorso vuole essere un ulteriore passo in tale direzione, che accorcia la distanza tra scuola e impresa. È una prima edizione, stiamo già lavorando per le prossime con un orizzonte ancora più ampio» chiosa l’orafo Luigi Mario Poli (Confartigianato Milano), una delle anime del progetto.

«Dal 2008 Galdus è il punto di riferimento in Lombardia per la formazione dei futuri artigiani orafi, la nostra scuola ogni anno accoglie circa 150 giovani, a livelli diversi, che si impegnano nella formazione tecnica professionale. Dal 2018 – anche grazie al progetto Pomellato Virtuosi – si è completata la filiera formativa di 7 anni. Per questo abbiamo aderito con entusiasmo e interesse a un concorso per gli studenti over 18 dell’alta formazione; crediamo infatti che questo award aiuti i giovani a passare da un’espressione artistica ad un’altra, a sviluppare la creatività e ad affrontare il mercato del lavoro con curiosità e apertura all’innovazione nel rispetto della tradizione» dichiara Stefano Bertolina, Direttore Alta formazione Galdus.

I premi consisteranno in tessere prepagate di acquisto, fornite dal Municipio 1, da utilizzare pressi i rivenditori specializzati in attrezzature e materiali per orafi, con importi decrescenti in base alla posizione in graduatoria, per un valore massimo di 3.000euro.

Scuola Forestami, riparte il progetto di formazione e di educazione

Ogni partecipante dovrà, a propria discrezione e di propria iniziativa, realizzare progetti di gioielli in metallo finiti che rappresentino e riproducano un elemento o una figura presenti nel Duomo di Milano, che ne valorizzi la storia e la tradizione orafa cittadina, nonché l’artigianalità lombarda.

Gli elaborati dovranno esaltare i caratteri dell’artigianalità tipica milanese, pensati per raccontare le affascinanti, strane e, per certi versi, inaspettate figure che dominano il Duomo.


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: