Condivisione

Come uscire di casa in Zona Rossa? Bar, ristoranti, pizzerie e diversi negozi da oggi sono chiusi in 3 Regioni, ma molte attività restano aperte

 

Come sappiamo, da oggi sono entrate in vigore le ordinanze sulle zone rosse approvate dal Dpcm 16 gennaio, per restare in vigore fino al 5 marzo.

Lombardia, Sicilia e provincia autonoma di Bolzano, annoverate tra le zone rosse, sono le Regioni aventi le maggiori restrizioni.

Gran parte delle attività commerciali, da oggi, sono chiuse insieme a tutto il reparto della ristorazione, dai bar ai ristoranti, ma con possibilità di effettuare il servizio d’asporto fino alle 18 (bar) e fino alle 22 (ristoranti e pizzerie).

Ma alcune attività commerciali restano aperte e sicuramente, per molti cittadini, saranno la scusa giusta per riuscire e prendere una boccata d’aria.

Ecco le attività che rimangono aperte:

Cartolerie e negozi specializzati in articoli da ufficio.

Distributori di benzina.

Esercizi commerciali che vendono intimo e biancheria personale.

Esercizi commerciali che si occupano di vendita di macchinari, attrezzature e prodotti per il giardinaggio e l’agricoltura.

Farmacie ed esercizi specializzati in medicinali non soggetti a prescrizione medica (para-farmacie), oltre ai negozi di articoli medicali e ortopedici.

Lockdown nel weekend e cambio colore della Lombardia, le ipotesi

Fioristi e negozi che vendono piante, bulbi, semi e fertilizzanti.

Librerie ed edicole.

Negozi di giocattoli.

Negozi di abbigliamento e calzature per bambini e neonati.

Negozi di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero.

Negozi che vendono animali domestici e alimenti per gli stessi.

Negozi di computer, periferiche, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici e negozi specializzati nelle telecomunicazioni

Negozi di ferramenta, vernici, ceramiche, piastrelle e materiali da costruzione, così come gli esercizi che vendono articoli igienico-sanitari.

Ottici e negozi di fotografia.

Parrucchieri e barbieri (chiusi i centri estetici).

Profumerie, erboristerie e negozi di cosmetica.

Supermercati e Ipermercati, discount di alimentari, negozi si surgelati ed altri esercizi commerciali orientati alla vendita di alimenti.

Tabaccai e negozi specializzati nella vendita di sigarette elettroniche e relativi liquidi.

 

Notizie e Articoli in evidenza

Dpcm Draghi 6 marzo, misure valide fino a dopo Pasqua. Nessuna riapertura serale dei ristoranti per il CTS
Divieto spostamenti tra Regioni nel Dpcm Draghi. Visite ad amici e parenti, genitori separati e seconde case
Dpcm Draghi: Spostamenti e colorazioni delle Regioni, riapertura palestre e piscine, ristoranti fino alle 22. Ecco cosa può cambiare dal 6 marzo
Scadenze Partite IVA, la chiamata del Fisco in aprile e la speranza nel Decreto Ristori 5