Condivisione

C’è chi definisce Milano come “la città che cambia” e non ha tutti i torti. Dagli anni Sessanta ad oggi lo skyline milanese ha subito un cambiamento incredibile ma è soprattutto negli ultimi anni che sono sorti grattacieli ultra moderni e palazzi di design.

Milano, nota in tutto il mondo per essere la capitale della moda è in realtà molto di più. La città riconosciuta come terra di opportunità, innovazione e avanguardia tecnologica non resta indietro nemmeno a livello architettonico.

 

Foto di Paolo Monti: Servizio fotografico (Milano, 1961) – Wikipedia

Come è cambiato lo skyline milanese oggi rispetto agli anni Sessanta

Per comprendere il cambiamento dello Skyline di Milano è importante osservare come i più grandi grattacieli siano cambiati negli anni. Il primo simbolo milanese di rinascita economica è il grattacielo Pirelli costituito da 127 piani e che fino al 1966 è stato l’edificio più alto d’Europa. Secondo simbolo dello skyline milanese è Torre Velasca, un edificio alto 106 metri ed inaugurato nel 1961; nonostante il design ormai passato è ancora protagonista del paesaggio cittadino.

 

torre velasca

Foto di David Orban – Wikipedia

 

Tra gli edifici più moderni che hanno mutato lo skyline della città ci sono la Torre Diamante e la Torre Hadid a City Life, il Bosco Verticale con le torri alte rispettivamente 72 e 110 metri simbolo di riforestazione. Tra le novità in divenire c’è Torre Gioia 22, nota anche con il soprannome di “scheggia di vetro”, il grattacielo di 120 metri diventerà la sede milanese di Intesa Sanpaolo.

Ricerca case a Milano, cosa è cambiato dal pre-pandemia a oggi

 

Foto di Darsheni – Wikipedia

Le ultime novità architettoniche milanesi

Tra le ultime opere di design che hanno cambiato la città c’è l’apertura dell’Apple store in Piazza Liberty, il punto vendita di smartphone e computer ha abbellito la zona con una grande fontana e operando migliorie sulla piazza.

L’area di Gae Aulenti dominata dal grattacielo Unicredit si amplia anche grazie alla conclusione della biblioteca degli alberi.  Altrettanto importante è l’opera di riqualificazione del quartiere Isola che va ad intervenire sui vecchi edifici dando nuova vita ad una zona di Milano di grande interesse.

 

skyline milano

Foto di Cris*Milano -Wikipedia

 

Non ultimo il progetto di costruzione di un nuovo stadio che andrà a sostituire il celebre San Siro noto anche con il nome di Stadio Giuseppe Meazza. Non poche polemiche sul progetto da 1,2 miliardi di euro finanziato da privati che comprenderà un vero e proprio quartiere con un’area dedicata all’intrattenimento, un nuovo hotel e svariati punti vendita.