Site icon MilanoBIZ

Collezione Crida Primavera Estate 2022: Levante, nome che evoca luminosità e rinascita

Collezione Crida

Si chiama Levante la nuova collezione Primavera Estate 2022 di Crida, un nome che evoca luminosità e rinascita.

 

Collezione Crida Primavera Estate 2022: L’abbiamo chiamata LEVANTE perché è un nome che evoca luminosità e rinascita e perché a noi, gente di pianura, ricorda la riviera ligure, il mare più vicino, il sogno possibile di una vacanza.

Crida è nata a Bergamo e dopo un anno difficile da dimenticare vuole iniziare il suo viaggio in Italia da una regione che amiamo per tanti motivi: l’incanto dei luoghi, da Portofino alle Cinque terre, la musica di De André, Tenco, Lauzi, Gino Paoli per citare solo alcuni dei cantautori liguri che hanno creato poesia.

E poi i profumi e i sapori della cucina, la focaccia di Recco, le trofie al pesto, senza dimenticare lo scintillio del festival di Sanremo che rappresenta la storia del costume e della moda italiana.

Ognuno di questi mondi ci ha incantato e ispirato.

Così abbiamo voluto ripartire da lì, da Genova e dintorni, per raccontare nella collezione primavera estate 2022 l’eleganza italiana che ci piace: tutti i nostri abiti sono fatti con tessuti naturali, sete e cotoni che accarezzano il corpo, gonne ampie e morbide, per una femminilità raffinata e mai ostentata.

Abiti da amare e conservare con cura nell’armadio come ben sanno i parsimoniosi abitanti di questa regione. Ed esplorando questa terra fatta di mare, vento e di un entroterra dove si intrecciano boschi e storie di streghe, abbiamo voluto rendere omaggio anche ad un artigianato antico e speciale: l’abito Lorsica prende il nome dal paesino sui monti dietro Chiavari dove una donna, Stefania De Martini, crea ancora a mano il famoso damasco con i telai di famiglia fatti in casa nel dopoguerra.

L’artigianato è un valore aggiunto dell’Italia che va raccontato preservato e tramandato.

La moda per Crida deve guardare avanti verso un mondo sempre più ecologico e amico dell’ambiente, ma senza dimenticare mai il nostro passato.


Condividi l'articolo!