Coderblock diventa abilitatore nel mercato delle esperienze virtuali

da | 14 Dic 2021 | Tecnologia

Con l’obiettivo di potenziare la piattaforma SaaS per la creazione della prima città tridimensionale e intercettare le esigenze di ogni settore, la Pmi innovativa siciliana mette a disposizione di investitori, aziende, agenzie e professionisti la possibilità di testare il proprio spazio virtuale brandizzato per un anno e guadagnare nel metaverso con un investimento minimo su Mamacrowd.

 

In seguito alla pandemia, il mercato del virtuale ha registrato una crescita senza precedenti, facendo nascere nei brand una nuova consapevolezza: le enormi potenzialità delle esperienze ibride, come il mondo immersivo del metaverso, e l’impatto che potrebbero avere sul business.

Infatti, se l’accesso alla realtà digitale è notevolmente aumentato, il metaverso e le esperienze virtuali trovano oggi sempre più spazio nei processi di networking e lead generation di aziende, agenzie, startup e professionisti che guardano alla nuova dimensione come un luogo dove giocare, comprare beni virtuali, trascorrere il tempo libero e partecipare a riunioni di lavoro.

Ma il metaverso non è solo un gioco, così come non è solo realtà virtuale. È con questi presupposti, e con l’obiettivo di rendere il nuovo mondo virtuale un abilitatore di business, che Coderblock (coderblock.com) si è evoluta rapidamente in funzione delle nuove esigenze del mercato fino a diventare una piattaforma automatizzata per la creazione di esperienze virtuali B2B in quattro settori principali: lavoro, eventi, formazione e shopping.

 

Dalla User Experience alla lead generation, come cambia il business con il metaverso

Non è un caso, infatti, che le dimensioni stimate a livello globale del mercato delle esperienze virtuali abbiano toccato i 94,04 miliardi di dollari nel 2020 e si prevede che possano raggiungere i 114,12 miliardi di dollari entro la fine del 2021, a un tasso di crescita annuo composto (CAGR) del 23,7% dal 2021 al 2028, al fine di superare i 504,76 miliardi di dollari entro il 2028[1] e i 2.5 trilioni di dollari nel 2030 (con un CAGR del 17,5%)[2].

Dagli uffici virtuali per collaborare in smart working con team distribuiti alle classi virtuali in 3D per la formazione a distanza, la Pmi innovativa di Palermo, parte del gruppo Open-Box, che già si occupa di creare esperienze virtuali per brand come Procter & Gamble, Fintech District, Ja Italia, WomenX Impact, inCowork e Campus Party, ha portato nel metaverso creato dalla PMI gli eventi virtuali immersivi e permesso l’accesso tridimensionale a negozi e centri commerciali virtuali per sessioni di shopping coinvolgenti.

Dopo il successo del summit internazionale WomenX Impact, l’evento sulla leadership e l’empowerment femminile che ha coinvolto migliaia di partecipanti nei padiglioni virtuali 3D creati da Coderblock, e quello di Cospladya, la prima fiera del fumetto realizzata nel metaverso, a cui hanno preso parte oltre 1200 utenti con il proprio avatar, la Pmi palermitana punta a far crescere la tecnologia per creare un modello che abilita il business, in un settore promettente che attira sempre più investimenti da ogni parte del mondo.

A seguito della campagna di crowdfunding lanciata a fine novembre sul sito di Mamacrowd, infatti, con cui la Pmi ha raggiunto l’obiettivo minimo di 150 mila euro in pochi giorni dall’avvio, Coderblock ha pensato di ricompensare gli investitori, dalle aziende alle agenzie fino ai professionisti, con un servizio che gli consentirà di validare il proprio mercato con spazi virtuali brandizzati, forniti a seguito di un investimento nella società attraverso la campagna lanciata su Mamacrowd.

“Un’opportunità low cost con cui le aziende potranno ripensare la propria strategia commerciale o di marketing in un anno che è ancora un’incognita, quello del 2022, in cui si prospetta uno scenario purtroppo già visto. Ognuno può usare questo spazio virtuale per generare lead, accrescere il networking e migliorare la user experience. Vogliamo offrire l’opportunità di superare i limiti del mondo fisico”, commenta Danilo Costa, 33 anni, CEO e Founder di Coderblock, insieme alla compagna Aura Nuccio, 35 anni, oggi Head of Design e Direttore operativo della società.

 

Come guadagnare nel metaverso: una nuova economia dei mercati del futuro

Nel metaverso è possibile creare un negozio in 3D che rimanda al proprio e-commerce, mettere annunci pubblicitari, organizzare in padiglioni immersivi e classi virtuali le proprie iniziative ed eventi. Il modello di business pensato da Coderblock si basa su un sistema di subscription (un abbonamento mensile o annuale) il cui costo varia a seconda della tipologia e della dimensione dell’ambiente selezionato.

Con questa modalità, chi investirà nella società potrà avere accesso per un anno ad un proprio ecosistema virtuale totalmente personalizzabile grazie ad un gestionale evoluto, grazie al quale è possibile integrare tecnologie come chatbot, e-commerce, sistemi di pagamento digitale e siti web esterni. La piattaforma, inoltre, permette l’accesso anche da smartphone o pc con un semplice click sul sito, senza l’installazione di software esterni o il bisogno di indossare supporti visivi.

“In base all’investimento, anche minimo, l’investitore avrà un ambiente su misura e brandizzato, come un ufficio o un padiglione virtuale, da gestire in autonomia. Questa modalità di investimento on demand ci consentirà di prevedere l’andamento del mercato sull’utilizzo del metaverso e potenziare di volta in volta il prodotto tecnologico e l’offerta dei piani SaaS, per intercettare le esigenze di ogni settore. Il mercato di riferimento è attualmente quello italiano, ma l’obiettivo è di espandersi nel resto d’Europa e, subito dopo, nel Nord America, mercato di punta delle Virtual Experiences”, conclude Costa.

[1] Fonte: Grand View Research.

[2] Fonte: Roundhill Investments.