Condivisione

Chiusura scuole da domani 3 marzo in tutta la provincia di Como e diversi Comuni della Lombardia per l’assegnazione della Zona Arancione rafforzata. Inclusi diversi comuni di Mantova, Cremona, Pavia e Milano. Asili nido esclusi.

 

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha firmato ieri 3 ordinanze con l’obiettivo di rafforzare le misure di prevenzione su diverse aree del territorio lombardo a rischio di aumento contagi.

Le ordinanze entreranno in vigore da domani 3 marzo, dichiarando Zona Arancione rafforzata l’intera provincia di Como, diversi comuni della provincia di Mantova, di Cremona, di Pavia e di Milano.

Vengono inoltre prorogate per un’altra settimana le misure già adottate per tutti i comuni della provincia di Brescia, così come sono confermate per un’altra settimana anche per i comuni bergamaschi di Sarnico, Gandosso, Viadanica, Predore, Adrara San Martino, Villongo, Castelli di Calepio, Credaro e per il comune di Soncino in provincia di Cremona.

Entrano in Zona Arancione rafforzata:

  • 18 Comuni della provincia di Mantova (Viadana, Pomponesco, Gazzuolo, Commessaggio, Dosolo, Suzzara, Gonzaga, Pegognaga, Moglia, Quistello, San Giacomo delle Segnate, San Benedetto Po, Asola, Castelgoffredo, Casaloldo, Medole, Casalmoro, Castiglione delle Stiviere).
  • 12 nel pavese (Casorate Primo, Trovo, Trivolzio, Rognano, Giussago, Zeccone, Siziano, Battuda, Bereguardo, Borgarello, Zerbolò, Vidigulfo).
  • 10 nel milanese (Motta Visconti, Besate, Binasco, Truccazzano, Melzo, Liscate, Pozzuolo Martesana, Vignate, Rodano, Casarile).
  • 9 in provincia di Cremona (oltre al capoluogo, Spinadesco, Castelverde, Pozzaglio ed Uniti, Corte dei Frati, Corte de’ Cortesi con Cignone, Spineda, Bordolano e Olmeneta).
  • L’intera provincia di Como.
Ricerca case a Milano, cosa è cambiato dal pre-pandemia a oggi

Passano in arancione scuro anche i Comuni finora rimasti in fascia rossa (Viggiù, Mede e Bollate): i tre sono stati declassati da rosso ad arancione rafforzato in considerazione del miglioramento della situazione epidemiologica.

Nelle città e nei comuni lombardi sopra elencati, chiuderanno tutte le scuole, ad eccezione degli asili nido.