Chiusura campagna vaccinale, secondo il Gen. Figliuolo avverrà entro fine settembre

19 Giu 2021 | Coronavirus

Pubblicità

Chiusura campagna vaccinale: entro fine settembre l’80% della popolazione sarà vaccinata, di conseguenza la campagna potrà essere chiusa.

 

La campagna vaccinale contro il Covid-19 prosegue a grandi passi, arrivando a somministrare 576mila dosi in un giorno solo nella giornata di ieri, spostando così il target giornaliero a 600mila inoculazioni.

Ma l’obiettivo del commissario straordinario per l’emergenza Covid, il Gen. Figliuolo, è essere costanti nella somministrazione del vaccino a 500mila cittadini al giorno, in base a quanto gestibile dalla logistica attuale.

 

Pubblicità

Chiusura campagna vaccinale

Figliuolo ha spiegato che, con le dosi in arrivo, da qui a settembre avremo oltre 54 milioni di dosi di vaccino ad marna impiegabili, le quali sommate ai 44 milioni già somministrati permetteranno sicuramente la chiusura della campagna vaccinale.

La missione è quindi arrivare a fine settembre con l’80% della platea dei cittadini vaccinati, permettendo così di poter chiudere la campagna vaccinale in corso.

 

Vaccinazioni over 60

Continua la problematica sulle somministrazioni del vaccino agli over 60, uno scoglio assolutamente da superare: sono infatti circa 2,8 milioni che ad oggi mancano all’appello, come comunicato dal Generale.

A tal proposito, il commissario ha dichiarato di aver firmato una lettera per comunicare alle Regioni di continuare in maniera attiva a cercare gli over 60 ancora da vaccinare.

Contagi Covid di oggi 27 luglio. 4.522 nuovi positivi, scende il tasso di positività

 

La proroga sullo stato di emergenza in Italia è in fase di valutazione e potrebbe estendersi sino a fine anno. Ecco cosa cambierebbe nel concreto.

Sono passati solo pochi giorni da quando il ministro della Salute Roberto Speranza ha detto che sperava nella fine dello stato di emergenza a luglio, ma pare che Draghi sia intenzionato a mantenerlo sino a fine anno.

La decisione ufficiale sarà presa entro 44 giorni, data ultima entro la quale il Consiglio dei Ministri può prorogare lo stato di emergenza senza un passaggio parlamentare. Un eventuale prorogata dopo quella data necessiterebbe di un provvedimento di legge e non più di una semplice delibera. LEGGI TUTTO

Pubblicità

Pubblica la tua notizia su MilanoBIZ!