Benessere in azienda, cosa chiedono i dipendenti e cosa possono fare i brand

da | 29 Nov 2021 | Salute e Benessere

Benessere in azienda: con l’aumento generale dello stress nei luoghi di lavoro (fisici o virtuali) i responsabili HR devono trovare nuove soluzioni innovative per migliorare il benessere psicofisico dei loro team.

 

Con Corporate Wellness si intendono tutte quelle attività che vengono messe in atto dai datori di lavoro e dai reparti HR al fine di migliorare la qualità delle condizioni di lavoro dei dipendenti. Se in passato questa pratica veniva legata solamente all’ascolto attivo delle necessità dei dipendenti e con una conseguente messa in atto di azioni per migliorare la loro esperienza di lavoro, oggi, sia che si lavori in ufficio o da casa, le necessità e gli strumenti sono cambiati.

Grazie al digitale, infatti, le aziende possono utilizzare le nuove tecnologie per dare ai propri dipendenti dei mezzi per migliorare il loro benessere psicofisico attraverso lezioni di training, di yoga, nutrizione con un approccio data driven è possibile analizzare il loro andamento così da vedere quanto effettivamente stanno migliorando.

Trainect, startup che ha creato una piattaforma proprietaria per il miglioramento del Corporate Wellness aziendale, scelta da brand come Findus, RDS, Argomm e tante altre ha analizzato nell’ultimo anno quali sono le richieste dei dipendenti che si sono affidati alla sua tecnologia.


Podcast, meditazione al mattino e versatilità delle tempistiche

Dall’analisi fatta su un campione di 100 utenti (dipendenti aziendali) che hanno utilizzato Trainect, il 47% sono donne, il 44% uomini e il 9% di genere non binario, tra i 21 e i 65 anni e appartenenti per lo più ai settori Ricerca e Sviluppo, Marketing, Finance.

Dall’analisi di Trainect sui loro utenti si evince che preferiscono svolgere più attività e molto diverse tra loro: dall’allenamento fisico, alle sessioni di yoga, fino ai consigli per un’alimentazione più sana. Il metodo di fruizione più utilizzato è quello video soprattutto per le sessioni di allenamento e per i corsi di coaching sulla crescita personale e professionale. Tuttavia, il podcast, rimane uno strumento molto utilizzato soprattutto al mattino: l’audio più ascoltato è proprio “5 minuti di meditazione ogni mattina”.

Queste attività devono però essere svolte on demand e non seguendo ad esempio classi virtuali ad un certo orario perché la vita dei lavoratori è spesso imprevedibile e avere degli orari fissati per le loro sessioni di Corporate Wellness può essere un disincentivo nel momento in cui si ha una scadenza importante da portare a termine.

Gamification e competizione, incentivate da dei premi, rafforzano il team building

E parlando di incentivi, ciò che spinge i dipendenti a fare le sessioni è il fattore di una sana competizione tra colleghi e il sapere di ricevere un premio. Nel caso di Trainect, è presente nella piattaforma una forte componente di gamification, ogni sessione fa guadagnare punti per scalare la classifica tra colleghi e che possono essere spesi per acquistare prodotti da partner della startup o per fare attività di charity.

Proprio nell’ultima ricerca Next Gen 2030 realizzata da BNP Paribas Cardif in collaborazione con Eumetra MR su ciò che ci si aspetta dagli ambienti lavorativi del futuro, il 32% degli intervistati vede piattaforme simili essere uno dei driver per la scelta del luogo di lavoro.

I vantaggi del Corporate Wellness: retention e produttività

Per quanto il tema sia caldo da tempo, il Corporate Wellness non riguarda solo la salute psicofisica dei dipendenti ma anche la loro relazione con l’azienda. Infatti, le persone che puntano al loro benessere psicofisico migliorano la loro produttività e il loro attaccamento all’azienda che gli permette di usufruire di questo benefit.

Per le aziende, il ritorno sull’investimento è molto alto, supera il doppio secondo i dati, ma soprattutto crea un ambiente di lavoro sano, in cui i dipendenti e le loro necessità vengono messe al centro, dando benefici di lungo periodo.

“Il Corporate Wellness non deve essere solo un trend ma bensì una regola. Avere a cuore la salute dei dipendenti, dargli degli strumenti per migliorarla, spingerli a prendersi cura di sé è un progetto che giova a tutti, dall’azienda ai singoli dipendenti che poi sono il cuore stesso del business.” spiega Alberto Ronco, CEO di Trainect.