Autocertificazione per spostamenti, ecco le regole da seguire

da | 6 Nov 2020 | Animali

Autocertificazione per spostamenti: L’ultimo Dpcm elenca i criteri per la regolamentazione straordinaria della circolazione di persone e cose. Nelle zone rosse movimenti liberi solo nei pressi della propria abitazione con cani e bambini neonati

 

Autocertificazione per gli spostamenti: dove e come usarla.

Perché, diciamo pure la verità, l’annuncio del nuovo lockdown che parte oggi, 6 novembre, non è stato così puntuale nella definizione delle regole per gli spostamenti.

Forse si è cercato di evitare reazioni inconsulte da parte del pubblico esasperato, sebbene in realtà manifestazioni di isteria collettiva si siano già verificate.

Ecco, perciò, le regole per impiegare l’autocertificazione, naturalmente a seconda della categoria di appartenenza della propria Regione alle tre fasce gialla, arancione, rossa.

  • Zona gialla: autocertificazione necessaria solo durante il periodo del coprifuoco nazionale dalle ore 22 alle ore 5, in caso di circolazione per comprovati motivi eccezionali
  • Zona arancione: autocertificazione necessaria solo in caso di spostamento in un’altra Regione o in un altro Comune della propria Regione. Gli spostamenti all’interno del proprio Comune, invece, sono liberamente consentiti
  • Zona rossa: autocertificazione a portata di mano per effettuare spostamenti fuori dalla propria abitazione, i quali sono consentiti per motivi di lavoro, necessità alimentare, salute personale o di un congiunto e urgenza. La medesima autocertificazione non serve per accompagnare in giro i bambini neonati o per portare a scuola quelli delle elementari, per passeggiare (anche con il cane) nei dintorni del proprio indirizzo e per fare footing.
Adottare un cane, tre errori da evitare. Ecco una breve guida

Tutti coloro che trasgrediranno alle suddette regole, se colti in flagrante dagli operatori di polizia, saranno multati e denunciati.


Condividi l'articolo!

Potrebbero interessarti: