Autocertificazione per Natale, come scaricarla e compilarla per spostarsi

21 Dic 2020 | Coronavirus

Il modulo di autocertificazione da utilizzare per il pranzo di Natale è lo stesso già presente sul sito del Ministero dell’Interno. Ecco come scaricarlo e compilarlo correttamente

 

Il Dpcm 18 dicembre, conosciuto come “Decreto Natale”, consente lo spostamento verso un’abitazione privata, ubicata nella stessa regione, una volta al giorno, nella fascia oraria compresa tra le ore 5 e le ore 22, nei limiti di due persone oltre ai minori di 14 anni e alle persone già conviventi.

Questo significa che il pranzo di Natale, per molte persone, è assicurato!

Ma è necessario utilizzare il modello di autocertificazione per spostarsi il giorno di Natale?

La risposta è sì, ma per motivi di privacy, non è necessario indicare il nome ed il cognome della persona che stiamo andando a trovare.

Altresì però, è obbligatorio indicare l’indirizzo da cui è iniziato lo spostamento e quello di destinazione, con la conseguenza di poter risalire facilmente al nome e cognome della persona che ci ospiterà durante la festa natalizia.

Spazio pubblicitario dedicato

Il modulo da utilizzare è sempre lo stesso, con il quale si dichiara:

  • Di essere a conoscenza delle misure normative di contenimento del contagio da COVID-19 vigenti alla data odierna, concernenti le limitazioni alla possibilità di spostamento delle persone fisiche all’interno del territorio nazionale.
  • Di essere a conoscenza delle altre misure e limitazioni previste da ordinanze o altri provvedimenti amministrativi adottati dal Presidente della Regione o dal Sindaco ai sensi delle vigenti normative.
  • Di essere a conoscenza delle sanzioni previste dall’art. 4 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, e dall’art. 2 del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33.

L’autodichiarazione è come sempre disponibile dagli agenti di polizia e può essere compilata anche al momento del controllo, ma per chi vuole essere preparato può scaricare qui il modello di autocertificazione.

Test salivari nelle scuole e gestione delle quarantene di classe