Stangata in arrivo per famiglie e aziende a causa dell’aumento delle bollette di Luce e Gas già da venerdì 1° ottobre 2021. Luce +29,8% e Gas +14,4%.

 

Sono stati purtroppo confermati gli aumenti delle bollette per luce e gas già dal prossimo trimestre (ottobre, novembre e dicembre 2021).

La bolletta dell’elettricità aumenterà del 29,8% per ogni famiglia e quella del gas del 14,4%.

 

Aumento delle bollette Luce e Gas

È quanto annunciato dall’Autorità di regolazione per l’energia, specificando che gli aumenti scatteranno da venerdì 1° ottobre 2021, intervenendo, però, con l’annullamento transitoriamente degli oneri generali di sistema in bolletta e potenziando il bonus sociale alle famiglie in difficoltà, grazie al decreto di urgenza del Governo che ha stanziato le risorse necessarie, con ciò consentendo di attutire l’impatto su 29 milioni di famiglie e 6 milioni di microimprese.

Sono infatti oltre 3 miliardi di euro i fondi stanziati dal Governo con il Decreto legge 27 settembre 2021, n. 130 in merito alle “Misure urgenti per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico e del gas naturale”.

L’intervento del Governo ha così annullato l’impatto degli aumenti per le famiglie in difficoltà, che percepiscono i bonus sociali energia e gas, ma per la restante parte degli italiani, benché in misura ridotta rispetto a quanto paventato inizialmente, i rincari si faranno sentire. 

 

Perché aumentano le bollette?

Gli aumenti, a livello internazionale, sono legati alla forte crescita delle quotazioni delle principali materie prime energetiche.

Prezzi benzina ancora in salita. Codacons: stangata da +413 euro annui a famiglia

Per l’energia elettrica l’aumento è legato principalmente al rialzo della componente materia prima, con un impatto del +41,5% sul prezzo della famiglia tipo (scomponibile in: +41,1% per effetto della voce energia Pe, + 0,4% legato alla voce di dispacciamento Pd), controbilanciato dalla forte riduzione/azzeramento degli oneri generali di sistema, -11,7% tra Asos e Arim, arrivando così al +29,8% finale per la famiglia tipo che non percepisce i bonus di sconto. Invariate complessivamente le tariffe regolate di rete (trasmissione, distribuzione e misura).

Per il gas naturale, l’andamento è determinato da un aumento della componente materia prima, basato sulle quotazioni a termine relative al prossimo trimestre, con un impatto del +30,3% sul prezzo finale della famiglia tipo. A questo si somma un leggero incremento delle tariffe di rete (trasmissione, distribuzione e misura) +1,8%. Incrementi parzialmente controbilanciati dalla riduzione/azzeramento degli oneri generali di sistema, -3,7%, e dalla diminuzione dell’Iva che pesa per un -14%. Si arriva così al +14,4% per l’utente tipo in tutela che non percepisce i bonus di sconto.