Ambiente     Animali     Arredamento     Arte-Cultura     Economia     Edilizia-Immobili     Energia     Eventi     Fiere     Food     Lavoro     Libri     Marketing     Mobilità-Viaggi     Moda     Musica     Salute-Benessere     Tecnologia

Arnia urbana di Beeing, le api possono essere animali domestici

da | 31 Mar 2022 | Animali

Oltre a cani, gatti, criceti e pesci rossi, anche le api possono essere un perfetto animale domestico, anche in presenza di bambini, purché siano tutelate e trattate con attenzione e competenza.

 

Sfatiamo il mito che le api siano insetti pericolosi, da tenere lontano dalla portata dei bambini e che averle nei paraggi sia rischioso. Se è pur vero che per avere a che fare con gli alveari bisogna sapere come trattarli e conoscere le procedure, è altrettanto importante però diffondere l’idea che le api non rappresentino un pericolo di per sé, come siamo soliti pensare, ma possano invece essere inserite in un ambiente domestico, come il terrazzo della propria abitazione, in piena sicurezza.

La pensa così Beeing, startup nata nel 2017 e impegnata nella tutela di api e apicoltura biologica, che ha progettato  la prima arnia per l’apicoltura urbana, la B-BOX, dal design semplice e pulito, testata per garantire una convivenza felice e sicura tra esseri umani e api. L’impegno di Beeing, infatti, è rivolto anche alla tutela dell’apicoltura responsabile, attraverso la realizzazione di alveari urbani per avvicinare le persone al mondo di questo insetto mellifero, indispensabile per il nostro ecosistema.

 

B-BOX, una media di 25 kg di miele raccolti in un anno in 1 mq

B-BOX è realizzata in abete massello e multistrato di abete con inserti in acciaio inox, in modo da avere una lunga durata nel tempo, insieme a componenti in policarbonato trasparente. Le pareti trasparenti, infatti, poste ai lati della B-BOX permettono di osservare da vicino l’affascinante vita delle api e agevolano la fase di ispezione dello stato di salute dello sciame. In più, l’alto camino di ingresso e la dimensione ridotta – solo 1 mq – rendono la B-BOX adatta a qualsiasi ambiente urbano, dal balcone al giardino, consentendo anche ai più piccoli di avvicinarsi senza rischi a questo mondo. Nel percorso di avvio, infatti, ogni apicoltore urbano viene affiancato da un apicoltore esperto, in modo da trasferire le competenze e gli adempimenti normativi in materia, come ad esempio l’iscrizione all’anagrafe apistica, e affinché tutto sia svolto in sicurezza. La B-BOX, il cui kit comprende anche un video tutorial di assemblaggio, è composta da 16 favetti di raccolta, ovvero gli spazi in cui le api costruiscono la cera e depositano il miele (tra i 25 e i 30 kg all’anno).

“Tutto quello che facciamo ha un solo obiettivo, tutelare le api e gli apicoltori, diffondendo una cultura intorno a questo insetto che si allontani dai pregiudizi ma che, naturalmente, sottolinei l’importanza di comportarsi nel rispetto dell’animale e con attenzione. Per farlo, abbiamo pensato di progettare un’arnia domestica, nel pieno rispetto della normativa italiana in materia di apicoltura urbana, il cui unico punto di ingresso e uscita per le api è a 2.2 metri di altezza da terra, così da permettere a tutta la famiglia di muoversi, lavorare e giocare intorno all’arnia, senza pericoli. Il nostro impegno, infatti, prevede anche corsi di formazione in apiario, proprio perché siamo consapevoli della necessità di avvicinare uomo e ape, senza rischi e con divertimento”, commenta Roberto Pasi, CEO e co-founder di Beeing.

Tag: Beeing