Condivisione

Allerta meteo per l’arrivo di una forte perturbazione nevosa sulle pianure del Nord Italia con vere e proprie bufere di neve sulle Alpi. Ecco le città più coinvolte

 

Torna, di nuovo, la neve sul Nord Italia, diffusa soprattutto in pianura e sulle alpi con vere e proprie bufere. E’ quanto annunciano i bollettini meteo delle ultime ore: l’evento nevoso più importante degli ultimi 10 anni.

Secondo le previsioni, nelle prossime ore un’aria sempre più fredda investirà l’Italia facendo crollare le temperature al di sotto dello zero trasformando le pianure del Nord Italia nel cosiddetto “cuscino padano”, ossia uno strato di aria molto fredda vicina al suolo.

 

Quali saranno le città più coinvolte dagli accumuli di neve previsti?

Maltempo, rischio nubifragi post nevicata. Ancora pessime previsioni

L’evento è previsto dalla serata di oggi, 27 dicembre, per tutta la notte, sulle pianure della Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna occidentale e nell’entroterra ligure. Milano, Torino, Alessandria, Novara, Lecco, Como, Bergamo, Piacenza e Parma saranno le città che si imbiancheranno per prime.

Successivamente, la perturbazione nevosa, si estenderà anche nel Nord-Est verso il Trentino Alto Adige.

Non sono escluse le possibilità di fiocchi di neve anche nella mattinata di lunedì 28 dicembre, sulle pianure del Veneto e Friuli Venezia Giulia, coinvolgendo la città di Verona, Padova, Venezia e Udine.

Sulle Alpi centro orientali, oltre gli 800/1000 metri, sono attese delle vere e proprie bufere di neve con accumuli superiori al mezzo metro in sole 24 ore, in particolar modo sulle Dolomiti Venete, Orobie e vallate del Trentino.

In pianura, invece, sono attese circa 20/25 cm di neve nelle principali città del Nord-Ovest.

 

Notizie e Articoli in evidenza

Le dirette Instagram raddoppiano, arrivano le Stanze in diretta
Vaccino italiano Takis, iniziata la sperimentazione sui volontari. Oggi il primo vaccinato al San Gerardo di Monza
Lombardia in Zona Arancione da oggi. Cosa si può fare e cosa no! Visite a parenti, congiunti e Take Away per ristoranti
La Bozza del Dpcm Draghi, valido dal 6 marzo al 6 aprile, è pronto e scaricabile. Chiudono i parrucchieri, No ai ristoranti, Riaprono i cinema e teatri